Sguardi_16

Il vento porta le onde ad infrangersi sulle sensazioni segrete di una vecchia ragazza . L’odore del Tirreno non è paragonabile all’Adriatico ma è un dettaglio. La meravigliosa sensazione del calore del sole del tramonto sulla pelle rinfrescata dall’ultimo bagno del giorno è la stessa ovunque. Tra la promessa di una doccia rigenerante e il desiderio di restare in spiaggia fino a notte fonda si resta in bilico piacevolmente.

Quante volte è successo? Quante volte vorrei che succedesse ancora?

Sguardo interiore .

Feliz de haberte conocido

Faccio la conta delle persone con cui ho avuto il piacere di scambiare queste semplici parole

Sono felice di averti conosciuto

Sono persone di cui ricordo il sorriso. La maggior parte di loro non è presente. Sono sparsi sulla terra come gemme preziose pronte ad essere scoperte e pronte a sorprendere chi ha la fortuna di incontrarle. Li ricordo uno ad uno e li ringrazio intimamente.

Mi sento anche io speciale quando me lo dicono. E trattengo questa sensazione di amore e la custodisco gelosamente.

Buona giornata a te che ancora non conosco.

Pino Daniele canta

Quanno Chiove


E te sento quanno scinne ‘e scale
‘e corza senza guardà
e te veco tutt’e juorne
ca ridenno vaje a faticà
ma po’ nun ride cchiù
E luntano se ne va
tutt’a vita accussì
e t’astipe pe nun muri’

E aspiette che chiove
l’acqua te ‘nfonne e va
tanto l’aria s’adda cagnà
ma po’ quanno chiove
l’acqua te ‘nfonne e va
tanto l’aria s’adda cagnà

Se fa scuro e parla ‘a luna
e te vieste pe’ senti’
pe’ te
ogni cosa po’ parlà
ma te restano ‘e parole
e ‘o scuorno ‘e te ‘ncuntrà
ma passanno quaccheduno
votta l’uocchie e se ne va

E aspiette che chiove
l’acqua te ‘nfonne e va
tanto l’aria s’adda cagnà
ma po’ quanno chiove
l’acqua te ‘nfonne e va
tanto l’aria s’adda cagnà

E aspiette che chiove
l’acqua te ‘nfonne e va
tanto l’aria s’adda cagnà
ma po’ quanno chiove
l’acqua te ‘nfonne e va
tanto l’aria s’adda cagnà

E t’astipe pe nun murì

La bambola e la bambina

Ancora bambina con la borsa vezzosa di una grande, la bambola tenuta con amore e una grande delicatezza nei movimenti.

Ho rubato questo scatto e sono contenta che il viso non si veda bene. Non mi piace fare ritratti rubati , non ho osato chiederle il permesso. Dovrò imparare ad entrare nelle vite degli altri, mi sono pentita di non averglielo chiesto. Avrei evitato la sfocatura, forse. Comunque l’istante che ho catturato è questo e lo condivido con voi.

Buona vita, bocciolo di rosa. Sei bellissima.