Il vento

Fermarsi al limitare del bosco in un momento in cui le folate di vento sono ritmiche quanto le onde del mare ha un sapore di eternità, di vissuti compenetrati.

Una carezza , un abbraccio e poi il silenzio.

E il sole che arriva al cuore di ogni emozione.

Il mare è ovunque quando è parte della tua essenza.

In chiesa

Santa Maria Addolorata . Piazza Buenos Aires, Roma.

È una chiesa giovane , edificata nel 1930.

Il concerto di organo e voce è stato molto bello.

Le artiste

Scatto frettoloso . Non ho foto interessanti dei presenti al concerto. Non riuscivo a catturare la loro attenzione. Si sottraevano alla mia fotocamera, al mio sguardo. Succede spesso e non mi capacito di questa mia mancanza di carisma sugli adulti. Ma questo accade e non so se voglio cambiare. Mi sono messa a canto al fotografo ufficiale col suo cellulare in mano. Ecco cosa ho rubato.

Era maggio 2018

Ho bisogno di riempire di verde i miei occhi.

Scelgo questa foto per saturare la mia vista e tornare con la memoria a quel momento esatto in cui il mio presente era dilatato intorno alla mia intera esistenza e mi abbracciava dolcemente . Senza passato e senza futuro eppure con tutte le conseguenze di entrambi compenetrate nel mio respiro. Quanto vorrei saper scrivere poesie per esprimere tutto questo!

Intanto sto qui e lì fino a quando non sentirò più i confini delle mie percezioni.