Mona Lizard

Dietro questo nome si nascondono due mondi. E li ho incontrati per caso camminando per un bellissimo borgo laziale: Cerreto. Ho visto questa porta e ho subito sorriso. Che meraviglia! Mi ha attratta subito.

Come sempre le mie foto sono leggermente storte è così, non mi va più di editarle e correggerle. Detto questo, ho cercato in rete e ho chiesto in giro. Si tratta di un gruppo di musicisti che purtroppo si è sciolto nel 2015. Erano anche bravi a quanto pare. Il nome che avevano scelto prometteva bene . Così è la vita.

Ho anche scoperto che di immagini della Mona Lizard è pieno il web . Eccone una

Trovata su deviant art. Io la trovo bellissima.

Eh sì. Ho gusti particolari.

Nostalgia

Fotogramma di un video visto online, scaricato da me in uno screenshot e modificato . Ergo non è uno scatto mio, questa volta.

Nostalgia marina

Sentire la salsedine sulla pelle abbronzata.

Avere le lacrime salate quanto il mare.

Fare il morto a galla mentre piove.

E tenere la bocca aperta per sentire la dolcezza della pioggia.

Cercare le barche sul filo dell’orizzonte.

Osservare quanto tempo ci mettono ad attraversare il mio campo visivo.

Stupirsi della presenza delle libellule.

Restare immobile per ore per condividere con i granchi uno scoglio e l’alba.

Tenere tra le dita le alghe .

Lasciarsi accarezzare dal vento.

Invito a sentire

Divenire _ essere

Attesa _ spazio (omaggio a Lucio Fontana)

LiberamentRe

Respiro _ essenza

Questi sono i miei personali messaggi motivazionali.

Quando il pensiero fluisce intorno alle categorie filosofiche e si traduce in leggerezza del cuore, lì trovo la motivazione per un agire consapevole.

Coppie di parole per voi,Ve le offro.

Parole ripensate :liberamentRe

Meditazione di novembre.

Ho fissato su tela con colori e fili un invito a riflettere sulla libertà.

Non essere liberi DA o liberi DI che mi rimanda immediatamente a scenari di costrizione o di rinuncia ma liberi mentre qualsiasi cosa accade.

Già solo dire … Sono liberamentRe mi alleggerisce il cuore, mi fa ballare, mi fa sorridere. Missione compiuta. Meditazione soddisfacente.

Questi due quadri non resteranno a casa mia, andranno altrove a sollecitare sorrisi, danze, leggerezza.

Ruggine e non solo

La magia della ruggine.

I pensieri ricorrenti che affollano da sempre la mia mente disordinata assomigliano a questi fogli ondulati consumati dal tempo. Scoloriti ma ancora solidi.

Provo un ventaglio di emozioni che vanno dal fastidio per la loro persistenza e la tenerezza . Ci affezioniamo a qualsiasi cosa a cui ci abituiamo , anche quelle esasperanti, se non riusciamo a liberarcene, vero?

Autoritratto con ruggine.