Nazik-al-Malaika poetessa irachena


Io

E’ la notte che chiede: chi sono io? Sono il suo profondo, torbido segreto, così come il suo refrattario silenzio. Io ho velato la mia essenza di quiete e ho avvolto il mio cuore nel dubbio. Me ne sto qui a guardare, sbalordita. Nel frattempo, io lascio che i secoli si interroghino pure su chi mai sarò. E’ il vento che chiede: chi sono io? Respinta da ogni tempo, sono un soffio. Stordita come lui, io non so darmi pace. Ed entrambi andiamo avanti senza sosta, né possiamo arrestarci in nessun luogo. Ma quando il curvo orizzonte è raggiunto, ecco che anche la nostra sventura sembra giunta a una fine, di fronte all’immenso. E’ il tempo che chiede: chi sono io? Anch’io curiosa di percorrere le ere, ad esse conferisco un po’ di nuova vita e sottraggo il passato alla seduzione di questo nostro presente di comodo, giusto per tornare poi a seppellirlo. Così modello per me un nuovo ieri, il cui domani indugia qui, impedito. E’ l’essenza che chiede: chi sono io? Come lei perplessa, scruto l’oscurità né mi rassegno. Seguito a fare domande, ma ogni volta la risposta è un miraggio. Insisto a considerarla vicina, ma appena sono lì di fronte a lei ecco che essa impallidisce, sfuma e infine svanisce.

Nazik al-Mala’ika (irachena)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.