Alexandra Pizarnik: Segni

 

E ancora oso amare

il suono della luce in un’ora morta,

il colore del tempo su un muro abbandonato.

Ho perso tutto nello sguardo.

Così lontano il chiedere. Così vicino sapere che manca.

Alexandra Pizarnik

(traduzione di Francesco Tentori Montalto)

8 pensieri riguardo “Alexandra Pizarnik: Segni

  1. Lo conoscevo bene, e del resto nessuno oltre a me poteva dire di conoscerlo talmente.
    Perciò mi era ben noto quanto fazioso fosse, e non trassi meraviglia a rilevare la muta perplessità con cui aveva dato seguito alla lettura di quei versi…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.