Samira Negrouche scrive:

 

 

Mi piace immaginare che lungo il

 

binario c’è un treno che alla fine

 

arriva e s’arresta dolcemente nello

 

stridore di un linguaggio parlato da

 

due esseri che si aspettano da una

 

stessa lontananza e s’incrociano alla

 

vigilia di una rinascita dopo essersi

 

accuratamente cavalcati su infiniti

 

condizionali.

 

 

Samira Negrouche

 

da : Jazz degli Ulivi

 

traduzione  di  Anna Urselli

 

Poiesis editrice

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.