Wherever

Wherever I lay my TAB that’s my home!

Libera interpretazione di una canzone di Marvin Gaye che ho conosciuto e cantato nei mitici anni ’80 nella versione di Paul Young.

7 thoughts on “Wherever

        1. No, buio, completo.
          Ascolto a sprazzi.
          L’ultimo sprazzo, proprio i giorni scorsi, è stato sul jazz swing-be bop. Mi piace tanto e, combinazione, ho sentito sabato – coincidenze – in un pub simpatico un quartetto con una cantante formidabile.
          Ascolta questo e pensami: https://www.youtube.com/watch?v=LKXvMbAKAmY
          So che poi potresti smettere di amarmi, ma non posso esimermi dal correre il rischio.
          (Il tuo delizioso paesino resiste ancora a frane, incendi, terremoti, stupri, rifugiati dell’est-sud-ovest…?)

          Liked by 1 person

          1. Vado ad ascoltare fiduciosa il brano da te scelto. Tutto bene allo sprofondo, anche se confesso di essere in città in questo momento, tra schiamazzi, rumori molesti, smog e il mio amato Wi-Fi.
            Giammai smetterò di amarti!

            Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.