Sogno ad occhi aperti

Quei due alberi stanno lì nel mezzo del fragore delle cascate a godere del sole. Affaticati viandanti li possono osservare dall’alto e poi dal basso senza poterli toccare. Hanno catturato la mia attenzione quasi più del fico che sta poco più su.

Avrei voluto nascondermi tra i suoi rami a godere del fresco che arriva dalla grotta di Nettuno lì sulla sinistra.

Ho incontrato figure scolpite dal tempo scoprendo di potermi innamorare molte volte in un’ora

Ho visto forme morbide addomesticate dall’acqua

e un imprevedibile pezzo d’arte degno di un museo d’arte contemporanea

Il giardino impossibile.

Ero al ParcoVilla Gregoriana di Tivoli ieri e questo è parte di ciò che visto. In rete troverete facilmente foto più descrittive e accurate delle mie e vi invito a cercarle.

È un percorso straordinario gestito dal FAI.

https://www.fondoambiente.it

Torno presto, è una promessa.

Sguardi-7

Hanno superato i 90 anni entrambi. Hanno corpi esili e curvi con occhi opachi sovraccarichi di ricordi. Seduti sulla panchina si tengono per mano. Lui le dice “canta per me” e lei intona vecchi canti locali. Sembrano aver trovato il centro della loro vita molto tempo fa, insieme.

Una notte

Sento i miei passi nei vicoli del borgo e null’altro.

Un gatto mi segue attraverso la piazza della chiesa.

Non ho ricordi in questo luogo. Non so nulla persino di questo gatto.

Non ho radici qui.

Non ho radici nemmeno qui.

Io e questo microcosmo non ci apparteniamo.

Per questo mi sento libera di esplorare le mie potenzialità.

Io posso.

Io devo.

NotteaP.jpg

 

le ultime piogge

044-COLLAGEQueste ultime piogge ci regalano la possibilità di ascoltare scrosci fragorosi. Allora sento il bisogno di andare a godere del canto dell’acqua prima che l’estate arrivi ad asciugare tutto, comprese le nostre ossa.

Sta per piovere ancora e io sorrido pensando alla passeggiata che farò  domani.

 

 

 

Accettabile imperfezione

La casa si trasforma lentamente.

Di due comodini ho fatto un mobiletto .

Lo specchio con cornice in legno gentilmente donatomi da persone squisite acquista una sua identità,” accettabile imperfezione”, che oramai è la mia stessa a dirla tutta.

Non so ancora esattamente dove collocarli ma stanno già definendo la stanza.

E io sorrido perché scopro di amare il bianco, il grigio, l’oro e il perla iridescente . Tutti insieme ancora meglio.