Foto di repertorio

Aprile 2009 una bella giornata calda. Era il 13 ed era pasquetta.
Ho camminato tra i turisti per tutto centro da san Giovanni in Laterano fino al laghetto di Villa Borghese.
Ho percorso la scalinata in fretta per raggiungere la chiesa e guardare Via dei Condotti dall’alto. Eccola per voi. È uno scatto frettoloso come mia pessima abitudine. Non sono mai riuscita ad aspettare il momento migliore per scattare una foto o soffermata a trovare le parole giuste per dire qualcosa. Lo faccio e basta.
Avrei voluto essere una turista nella mia città anche quest’anno. Sfiorare migliaia di persone sconosciute che camminano col naso all’insù per le bellezze da guardare o collo sguardo nelle vetrine dei negozi sempre più scintillanti e accattivanti. Gente assorta con un gelato in mano e il sorriso appena accennato.
Sarebbe bello che qualcuno si riconoscesse in questo scatto.
È ora di alzarsi adesso, c’è molto da fare per sopportare la quarantena in solitudine. Buona giornata.

Sguardi_13

Ho acceso il telefono per ascoltare Pontiggia su radio Rai in le Conversazioni sullo scrivere. Voglio riempire i miei occhi di parole. Voglio dare forma ai suoni. Voglio. Scelgo. Resto diligentemente a casa, mi metto al sole con gli occhi chiusi e ascolto.

Ti regalo dei fiori

Ti regalo dei fiori senza coglierli.Li lascio al sole che sta dietro le nuvole, alla grandine che sta per cadere e alla notte che verrà.
Metto nella lista delle cose da fare insieme…. Camminare al limitare del bosco prima di un temporale a sorprendersi della bellezza della natura prima di correre a casa al riparo da tutto ciò che non siamo noi.

Ricordo

Era il 24 marzo 2016.
Ho camminato molto quel giorno. Mi piace sentirmi una turista nella mia città. Cammino e osservo. Sguardi meravigliati e sguardi disattenti sotto lo stesso cielo.
C’era un cielo inquieto in quel primo pomeriggio di marzo e molti passi si fecero veloci in pochi istanti.
Io, lo ricordo bene, ero felice che arrivasse il temporale; amo quell’energia dirompente che si prepara a dare il meglio di sé.
Il temporale è una promessa di cambiamento. E io mi fido delle nuvole.

Mentre la luna sta a guardare

Essere riconosciuti e apprezzati per la propria essenza dà una spinta propulsiva alla propria esistenza.

Ser reconocido y apreciado por su esencia da un impulso propulsor a la propia existencia.


La bellezza sta nella condivisione di parole in lingue diverse tra assonanze e divergenze.
La bellezza sta nelle sfumature di senso, nelle intenzioni sottili e soprattutto nella condivisione.

La belleza radica en compartir palabras en diferentes idiomas entre asonancias y divergencias. La belleza radica en matices de significado, en intenciones sutiles y, sobre todo, en compartir.

Una reciprocità di espressioni come “anche tu!? Que Bueno !”
Uno scambio di “Grazie a te” che aiutano a dormire meglio e a svegliarsi ancora meglio.


Tradotto con Google… Non garantisco la bontà della traduzione.


Un pensiero per Stefania.

Una donna, una signora che ama dire Sì alla vita.

Sì, signora! Viene da risponderle perché lei è anche autorevole!

È con questo flusso di pensieri che nasce un ritratto concettuale e incompleto di Signora.

Si(gnora)

E l’accento può essere interpretato come un apostrofo S’ignora.

Cara Stefania, ti ricordo che a volte un Sì è impossibile da pronunciare e allora che si fa ?

S’ignora, si, signora mia, si ignora.