Al Macro di Roma ieri

Mi stato chiesto di scrivere su un taccuino “cosa è arte?

Ho risposto così

Ero al Macro di Roma e sono entrata nell’atélier di Simona Frillici. ecco l’evento

Ho deciso di partecipare in barba alla mia atavica riservatezza. Non mostrerò la manipolazione della mia foto ma lì tra le altre ci sono pure io.

La questione interessante è la domanda “che cosa è arte” che io ho frainteso con che cosa è l’arte. E ho risposto utilizzando un concetto trovato già nel suo taccuino e che riguardava l’ansia. Ho trovato il concetto perfetto per il soggetto arte come leggete nella foto:

L’arte(ansia) è cercare di capire. Sentire qualcosa che non riesco a vedere.

Fila tutto. Confermo e sottoscrivo. Eppure ripensandoci ho dato una risposta non pertinente.

Che cosa è arte. Che cosa è arte. Che cosa è arte.

Ci provo adesso.

Arte è qualsiasi oggetto capace di produrre una qualsiasi forte emozione, o che induca ad una riflessione rivelatrice, che evochi forza e bellezza pur essendo lontano dal contesto in cui nasce.

E per oggetto intendo qualsiasi materia manipolata da mani senzienti.

E l’artista è un essere senziente che non trattiene le sue emozioni e le regala.

Per oggi ho pensato troppo.

Grazie Simona!

Hugs

Alicé

 

img_20180427_165319-16163338709913570042.jpg

Cammino per l’Esquilino con un vecchio amico , gli ho appena mostrato la basilica di S. Prassede poi la porta magica di piazza Vittorio. Stiamo andando a vedere l’acquario romano . È una passeggiata dalle mille sfaccettature. Mi accorgo di questa meraviglia di Alicé , gliela mostro con entusiasmo. Siamo passati attraverso la storia e io mi sento bene qui tra gente di tutto il mondo e con gli occhi catturati da un dettaglio di bellezza contemporanea.

Non ti consiglierei come guida, mi dice.

Resto basita perché gli avevo chiesto come volesse passare quelle ore che avevamo per noi e mi aveva risposto” Fai tu”.

Opera in fotocopia

Durante il trasloco ho ritrovato una fotocopia interessante e vorrei saperne di più

Come sarà l’originale? È firmata da Ettore Cianfoni , è del 1989 . Stop

Ora è su una porta della mia casa e mi piace molto.

Su google non ho trovato nulla.

Non ricordo come sia arrivata in mio possesso, sono maledettamente disattenta il più delle volte.

Se capitasse qualcuno che sa piùdi me sarei felice di approfondire.

Nel frattempo seguo ogni linea con piacere.

Lo ammetto

lo ammetto, questo blog è caotico , quando ho unito i due blog non ho controllato tutti i post e i link.

che caos!

ho deciso che impiegherò le prossime ore a verificare tutto. nessuna fretta ma vorrei prendermi cura di queste pagine in cui scopro a distanza di tempo sfaccettature della mia personalità che mi sfuggono o che tento di ignorare.

essere in ” work in progress” è vivere.

stay tuned

love lallaluce ( ennesimo pseudonimo)

infinitamente e indefinitivamente mesenza fine

Al museo

Sono stata alla GNAM (galleria nazionale d’arte moderna) dopo la riapertura.

Mi muovo tra le sale cercando i pezzi che amo di più e ad un tratto mi colpisce il passo lento e sicuro di questa coppia allacciata dolcemente. Un’opera d’arte inaspettata, una performance involontaria. Bella!