Nel castello

Foto mia modificata.

Senza parole,anzi solo poche.

Si tratta di un sogno ad occhi aperti. Io aspetto che ci sia un imprevisto degno di nota. In questo atrio posso nascondermi, fuggire o lasciarmi sorprendere.

Ah se solo mi avessero raccontato le fiabe da piccola!

L. A . Ovvero Lalla ovvero me

L

È la lettera del librarsi e liberarsi, della lucidità davanti al dolore.

È il liquido allontanarsi del linguaggio verso la lingua dei folli che ci slega.

È la lettera letta lentamente dall’inizio alla fine.

A

È la lettera dello stupore, la vocale che fa schiudere le labbra.

Quella del respiro e del sollievo.

Così araldica. Una torre sbarrata, un triangolo dalla base vuota.

Di Antonella Anedda da Il catalogo della gioia. Ed. Donzelli Poesia


Sono Lalla e dunque mi libro e respiro il lucido sollievo dal dolore, slegata e stupita. Lentamente svuotata. Libera.