Sguardi-4

Dimostra circa trent’anni. Cammina velocente .  Senza singhiozzare, permette che la pioggia e le lacrime le  bagnino il volto e  la  lunga sciarpa turchese . Era di certo di  buon umore prima di uscire di casa.

fino al prossimo risveglio

agosto14

scorrono i miei pensieri lungo il muro del tempo

amano ritornare sui soliti confortevoli percorsi

si abbandonano ostinatamente all’immutata  gravità

che li consegna alla terra

inconsapevoli e fissi

e io con loro

fino al prossimo risveglio

my thoughts run along the wall of time

they love to come back on the usual comfortable paths

they stubbornly make a surrender to the unchanged gravity

which delivers them to the ground

unaware and fixed
and me  with them

until the next revival

Nella foto: righe di acqua piovana sulla parete di una casa abbandonata.

In the picture:  lines of rainwater on the wall of an abandoned house .

L.

 

Carezza

Ho accarezzato l’anima di una adolescente in pieno tourbillon emozionale. Le ho regalato calma, accettazione, un pizzico di progettualità e tutta la mia comprensione piena.
Oggi mi sento svuotata. Un pensiero irrazionale si è fatto palese…. e se fosse inutile?
Lascerò scorrere le ore , questo pensiero verrà diluito e inglobato in altri. Vado a cercare bellezza per arrivare a sera col conto in parità.

wpid-paperartist_2013-11-08_14-04-49

Ringraziamento di Wislawa Szymborska

Ringraziamento 

Devo molto
a quelli che non amo.
Il sollievo con cui accetto
che siano più vicini a un altro.

La gioia di non essere io
il lupo dei loro agnelli.

Mi sento in pace con loro
e in libertà con loro,
e questo l’amore non può darlo,
né riesce a toglierlo.

Non li aspetto
dalla porta alla finestra.
Paziente
quasi come un orologio solare,
capisco
ciò che l’amore non capisce,
perdono
ciò che l’amore non perdonerebbe mai.

Da un incontro a una lettera
passa non un’eternità,
ma solo qualche giorno o settimana.

I viaggi con loro vanno sempre bene,
i concerti sono ascoltati fino in fondo,
le cattedrali visitate,
i paesaggi nitidi.

E quando ci separano
sette monti e fiumi,
sono monti e fiumi
che si trovano in ogni atlante.

E’ merito loro
se vivo in tre dimensioni,
in uno spazio non lirico e non retorico,
con un orizzonte vero, perché mobile.

Loro stessi non sanno
quanto portano nelle mani vuote.

Non devo loro nulla
direbbe l’amore
su questa questione aperta.

Poesia di Wislawa Szymborska 
da Vista con granello di sabbia 

Thank you note

I owe so much
to those I don’t love.

The relief as I agree
that someone else needs them more.

The happiness that I’m not
the wolf to their sheep.

The peace I feel with them,
the freedom –
love can neither give
nor take that.

I don’t wait for them,
as in window-to-door-and-back.
Almost as patient
as a sundial,
I understand
what love can’t.
and forgive
as love never would.

From a rendezvous to a letter
is just a few days or weeks,
not an eternity.

Trips with them always go smoothly,
concerts are heard,
cathedrals visited,
scenery is seen.

And when seven hills and rivers
come between us,
the hills and rivers
can be found on any map.

They deserve the credit
if I live in three dimensions,
in nonlyrical and nonrhetorical space
with a genuine, shifting horizon.

They themselves don’t realize
how much they hold in their empty hands.

“I don’t owe them a thing,”
would be love’s answer
to this open question.

Translation  from Polish by Stanislaw Baranczak and Clare Cavanagh

dscf5461-002