Occhi

Ho occhi pieni di pianto

Non per tristezza e nemmeno per gioia

È un sentire

È un percepire

così profondo

E così distaccato

Così sereno

Che non so descriverlo.

Vorrei che non finisse mai, questo stato di coscienza.

Indefinibile e perfetto.

Le calle e l’acquedotto

Calle

Orecchie protese ad interpretare i messaggi portati dal vento.

Protendo il mio orecchio destro alla ricerca del mio nome urlato dal passato, chiudo il sinistro per concentrarmi al meglio.

Mi affido ai ricordi per sentire un fremito lungo la schiena.

Questo presente è un vento muto e freddo.

Sguardi-14

Circondata da una intensa aura dorata suona il daf con gli occhi chiusi. Totalmente partecipe delle vibrazioni che sta creando, la figlia del sole esprime se stessa senza riserve.

Tra spezie, ricordi, progetti, incensi, maestri lontani e maestri vicini, iran, italia, armenia, india, e una parola ripetuta con slancio Amore amore amore per tutti. (Sintesi non esaustiva di un incontro arricchente.)

10 ottobre

Buon compleanno.

I miei ricordi si sovrappongono uno all’altro. Sono blu e a tratti un po’ sbiaditi. Le nostre sensibilità troppo prudenti e quella connessione metafisica mai approfondita hanno creato uno spazio inviolabile dentro di me. Nulla è pari a quell’emozione. Ovunque io sia, il sentir pronunciare questa data apre d’incanto la mia stanza segreta. Sono lì adesso e queste sono le pareti che ho pensato per te. Auguri Ghiu!