Sguardi_13

Ho acceso il telefono per ascoltare Pontiggia su radio Rai in le Conversazioni sullo scrivere. Voglio riempire i miei occhi di parole. Voglio dare forma ai suoni. Voglio. Scelgo. Resto diligentemente a casa, mi metto al sole con gli occhi chiusi e ascolto.

Mentre la luna sta a guardare

Essere riconosciuti e apprezzati per la propria essenza dà una spinta propulsiva alla propria esistenza.

Ser reconocido y apreciado por su esencia da un impulso propulsor a la propia existencia.


La bellezza sta nella condivisione di parole in lingue diverse tra assonanze e divergenze.
La bellezza sta nelle sfumature di senso, nelle intenzioni sottili e soprattutto nella condivisione.

La belleza radica en compartir palabras en diferentes idiomas entre asonancias y divergencias. La belleza radica en matices de significado, en intenciones sutiles y, sobre todo, en compartir.

Una reciprocità di espressioni come “anche tu!? Que Bueno !”
Uno scambio di “Grazie a te” che aiutano a dormire meglio e a svegliarsi ancora meglio.


Tradotto con Google… Non garantisco la bontà della traduzione.


Un pensiero per Stefania.

Una donna, una signora che ama dire Sì alla vita.

Sì, signora! Viene da risponderle perché lei è anche autorevole!

È con questo flusso di pensieri che nasce un ritratto concettuale e incompleto di Signora.

Si(gnora)

E l’accento può essere interpretato come un apostrofo S’ignora.

Cara Stefania, ti ricordo che a volte un Sì è impossibile da pronunciare e allora che si fa ?

S’ignora, si, signora mia, si ignora.

L’ora irrevocabile

Mi muovo dolcemente verso l’ora in cui ogni parte di me potrà abbandonarsi con fiducia al sentimento d’amore gioioso e profondo. L’ora irrevocabile.

E dopo nulla sarà lo stesso. Entrerò in un territorio inesplorato della mia esistenza. Mi muovo verso il senso più elevato della vita.

Un bacio

Ho ricevuto un bacio in fronte come fossi una bambina e mi ha divertito. Lei è una donna anziana e io quasi(ho 53 anni ). Ma non conta l’età. Conta l’intenzione e credo lei abbia desiderato il meglio per me. Il Natale è un’occasione per esprimere il meglio di sé. Il mio grazie a M.

Una foto tra tante

Capita di imbattersi in una foto per caso e di desiderare di guardarla a lungo. Non so esattamente perché mi abbia colpito tanto. Forse perché amo il vento tra i capelli o perché ho molti ricordi legati alle motociclette. Forse mi sono immedesimata in questa tensione che si percepisce bene nella postura di quest’uomo. Tende verso la vittoria e sembra molto concentrato. I sanpietrini raccontano che si tratta di una gara svolta a Roma o dintorni. Non smetto di guardarla. Chissà chi lo stava aspettando all’arrivo. Chissà quanta emozione ha provato. Era lungo o breve il percorso? Quanta strada hanno fatto insieme? Quanta aria hanno tagliato insieme?

Chi è questo giovane?

Resto con le mie domande che non avranno risposte, chiudo gli occhi e sento il vento sulla pelle, il rumore del motore e il sole che mi invita a seguirlo. Canto, canto sempre e solo mentre vado in moto. E sono felice. Ecco il potere delle immagini.