Nel castello

Foto mia modificata.

Senza parole,anzi solo poche.

Si tratta di un sogno ad occhi aperti. Io aspetto che ci sia un imprevisto degno di nota. In questo atrio posso nascondermi, fuggire o lasciarmi sorprendere.

Ah se solo mi avessero raccontato le fiabe da piccola!

Accettabile imperfezione

La casa si trasforma lentamente.

Di due comodini ho fatto un mobiletto .

Lo specchio con cornice in legno gentilmente donatomi da persone squisite acquista una sua identità,” accettabile imperfezione”, che oramai è la mia stessa a dirla tutta.

Non so ancora esattamente dove collocarli ma stanno già definendo la stanza.

E io sorrido perché scopro di amare il bianco, il grigio, l’oro e il perla iridescente . Tutti insieme ancora meglio.