Ricordo

Zibibbo

È uno dei pochi ricordi di mio padre. Feci un viaggio in Sicilia con lui. Avevo 12 anni, credo. Era un viaggio di lavoro. Mi chiese di aiutarlo a scegliere dei vini da portare a casa. Bellissima quella cantina con botti grandi, un odore intenso di vinacce misto alle muffe. Tra tutti mi rimase impresso lo zibibbo. Ho amato il nome e il profumo. Più che assaggiarli, io i vini li annusai tutti e lo zibibbo fece breccia nel mio cuore. Il suo profumo mi fa sentire bene. Portammo a casa lo zibibbo e mi sentii importante. Avevo scelto io e la mia scelta era stata apprezzata. Che evento straordinario!

Si vive di piccole cose! Ora lo Zibibbo lo bevo e mi fa sentire a casa. Una casa che è dentro di me, ovunque vada.